ritorna alla homepage   visita il sito del Comune di Reggio Emilia
cerca nel sito | contatti | mappa del sito | e-letter | ufficio stampa | link | accoglienza | credits | english
home > al limite > archeologia e architettura > Anne e Patrick Poirier
clicca per cambiare la dimensione del carattere clicca per cambiare la dimensione del carattere clicca per cambiare la dimensione del carattere
codice HTML 4.01 Transitional validato dal consorzio W3C
foglio di stile CSS validato dal consorzio W3C

ANNE E PATRICK POIRIER

Anne Poirier è nata a Marsiglia nel 1941, Patrick Poirier è nato a Nantes nel 1942. Il loro sodalizio umano e professionale è iniziato negli anni sessanta di fronte - affermano gli artisti - all'opera di Poussin Et in Arcadia Ego. E' infatti proprio la poetica del pittore francese che essi riprendono nelle loro opere, in cui sviluppano i temi dell'archeologia, del mito e della storia. La ripresa dell'antico serve a loro, come già a Poussin, per rielaborare il presente.

Il loro lavoro è teso a fissare, anche e soprattutto per mezzo della fotografia, la fragilità dell'esistenza e della memoria. Negli anni la loro ricerca ha toccato un'ampia varietà di temi: le ragazze in costume degli anni Sessanta, i turisti davanti alle rovine di Roma in posa per una foto ricordo, i resti di antiche civiltà in Grecia, Cambogia e Burma. Classicismo e fragilità della memoria, archeologia e caducità delle cose: in questi binomi si può forse concentrare la poetica che fa da filo conduttore alle opere, dalle fotografie agli assemblaggi di objects trouvè ai moulages, serie di calchi di frammenti di statue e monumenti realizzati con una particolare carta avorio. Il loro linguaggio, trova le radici nella tradizione neoclassica europe , anche se non è semplice definire il loro percorso, costituito da molte tipologie di lavori, dalle grandi sculture in marmo, alle realizzazioni di piccolissime dimensioni, alla video art, alla fotografia, fino alla scenografia teatrale.

Alcune delle sedi in cui i Poirier hanno esposto: il Getty Research Institute di Los Angeles, la Fondation Mont Blanc di New York, la Galerie Thaddaeus Ropac di Parigi, Museum Moderner Kunst di Vienna, Centre Georges Pompidou di Parigi. Hanno partecipato nel 2000 alla Biennale di scultura di Carrara, per la quale hanno progettato la suggestiva Stanza bianca del silenzio.